Ricerca, Innovazione e 5G: nuovo bando per realizzare le “Case delle tecnologie emergenti”

Condividi

Stanziati 80 milioni di euro nell’ambito del Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G. Settori: Blockchain e Crypto Asset, Internet of Things (IoT), Intelligenza Artificiale, 6G e tecnologie quantistiche

Bando case delle tecnologie emergenti 5G

È stato pubblicato il decreto che stanzia 80 milioni di euro a valere sulle somme residuali del Fondo sviluppo e coesione 2014-2020 per il Programma di supporto alle tecnologie 5G e le Case delle tecnologie emergenti.

Cosa sono le case delle tecnologie emergenti?

Sono veri e propri centri di trasferimento tecnologico che supportano progetti di ricerca e sperimentazione, la creazione di startup e, per l’appunto, il trasferimento tecnologico verso le PMI. Qui si incontrano quindi le competenze scientifiche di università e enti di ricerca con le esigenze delle imprese.

 Le Case delle tecnologie hanno come obiettivo:

  • supportare progetti di ricerca e sperimentazione
  • sostenere la creazione di startup
  • favorire il trasferimento tecnologico verso le piccole e medie imprese.

I temi interessati sono:

  • Blockchain e Crypto Asset
  • Internet of Things (IoT)
  • Intelligenza Artificiale
  • 6G
  • tecnologie quantistiche.

A chi si rivolge?

Il nuovo bando di prossima pubblicazione avrà come obiettivo la selezione di proposte progettuali presentati dai Comuni, nei quali sia presente una rete a banda ultralarga in tecnologia mobile 5G, in qualità di capofila di un partneriato con:

  • Università e/o Centri di ricerca italiani e imprese;
  • PMI e/o start up costituite italiane o con una sede operativa sul territorio italiano.

Cosa finanzia?

Il bando finanzia nuove Casa delle tecnologie emergenti, per aumentare la competitività dei territori, dove sviluppare progetti di ricerca, sperimentazione e trasferimento tecnologico realizzati dal partneriato.

I progetti finanziati dovranno quindi prevedere come macro aree di attività:

  • la realizzazione della Casa delle tecnologie emergenti, un luogo fisico dove sviluppare progetti di ricerca basati sull’integrazione delle tecnologie emergenti con le reti a banda ultralarga mobili,
  • l’accelerazione di start-up per l’integrazione tra reti 5G e tecnologie emergenti;
  • il sostegno al trasferimento tecnologico verso le PMI

I progetti finanziati avranno durata biennale.

Non potranno partecipare alla selezione i Comuni già vincitori dei precedenti bandi.

Quando presentare la domanda per i finanziamenti?

Il provvedimento attuativo che definisce tempi e modalità di presentazione delle domande sarà pubblicato entro il 28 novembre 2022.

    Ricevi maggiori informazioni da un advisor FIMAP

    Prenota una call allo 06.4741646 oppure compila il form.

    Nome e cognome*

    Inserisci il bando a cui sei interessato*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono*

    Descrivi la tua impresa, startup o PMI innovativa*


    Condividi