Emilia-Romagna: Bando per progetti di ricerca e sviluppo sperimentale

Condividi

Fino a 700 mila a fondo perduto. Focus su economia circolare, energia pulita, clima e risorse naturali

BANDO progetti ricerca e sviluppo sperimentale EMILIA ROMAGNA 2023

Che cos’è?

Il Bando per progetti d ricerca e sviluppo sperimentale è un’iniziativa della Regione Emilia-Romagna per dare sostegno con contributi a fondo perduto all’avvio, insediamento e sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali ad alto contenuto innovativo, coerenti con gli obiettivi e le finalità della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente.

Particolare attenzione è rivolta ai progetti afferenti l’economia circolare e la lotta ai cambiamenti climatici.

A chi si rivolge?

Possono presentare domanda:

  • imprese singole
  • aggregazioni di imprese
  • consorzi con attività esterna
  • soggetti giuridici iscritti al REA.

Per essere ammessi al Bando le PMI devono aver depositato almeno 2 bilanci (per gli anni 2020-2021) e realizzare il progetto in una unità locale in Emilia-Romagna.

Mentre le Grandi imprese devono:

  • impegnarsi ad assumere nel corso del progetto almeno 1 ricercatore
  • sviluppare il progetto di ricerca in cooperazione con PMI non appartenenti allo stesso gruppo di imprese, in cui la GI non superi il 70% del costo totale del progetto

oppure

  • presentare un progetto singolo, accompagnato da un “contratto di collaborazione” che indichi chiaramente le condizioni di attribuzione della titolarità e dell’esercizio dei diritti di Proprietà Intellettuale, sia con riferimento alle conoscenze pregresse di ciascuna impresa coinvolta, sia con riferimento alle conoscenze e ai risultati generati dalle attività realizzate nell’ambito del progetto.

I requisiti Economico-finanziari

Oltre i requisiti soggettivi, le imprese proponenti devono:

  1. Soddisfare simultaneamente i seguenti parametri economico-finanziari, basati sull’ultimo bilancio approvato:
    1. Congruenza fra capitale netto e costo netto del progetto – (Capitale netto> (Costo Progetto-Contributo regionale richiesto)/2);
    1. Onerosità della posizione finanziaria – (Oneri finanziari netti/Ricavi vendite e prestazioni =< 6%);
    1. Sostenibilità finanziaria del progetto – (Costo progetto/Ricavi vendite e prestazioni<20%)
  2. Assicurare la copertura finanziaria del progetto attraverso la seguente equazione:
    1. CP (Costo progetto) <= P (incremento mezzi propri) + Fb (finanziamento bancario).

Per essere ammessi al finanziamento gli altri soggetti iscritti al REA dovranno soddisfare esclusivamente la seconda condizione così intesa: CP <= Fb.

Cosa finanzia?

Il Bando finanzia progetti che prevedono le seguenti attività:

a. Ricerca industriale

Ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze e capacità, da utilizzare per sviluppare nuovi prodotti, processi o servizi o apportare un notevole miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti. Comprende la creazione di componenti di sistemi complessi e può includere la costruzione di prototipi se ciò è necessario ai fini della ricerca industriale.

b. Sviluppo sperimentale

L’acquisizione, la combinazione, la strutturazione e l’utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica, commerciale e di altro tipo allo scopo di sviluppare prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati.

I progetti devono prevedere attività sia di Ricerca Industriale che di Sviluppo Sperimentale che siano almeno il 20% del costo totale del progetto.

I progetti devono anche prevedere la collaborazione con organismi di ricerca oppure con strutture di ricerca industriale e trasferimento tecnologico appartenenti alla Rete Alta Tecnologia dell’Emilia-Romagna per un importo minimo di 40.000,00 €, ridotto a 20.000 € per le ICC (Industrie Culturali e Creative).

Una quota pari a euro 10.000.000€, dei 25.000.000 € di risorse disponbiili, è riservata al finanziamento di progetti focalizzati sugli ambiti tematici cross-settoriali dell’Energia pulita, sicura e accessibile, della Circular Economy e del Clima e Risorse Naturali (aria, acqua e territorio), che andranno a costituire una graduatoria separata.

Quali sono le spese ammissibili?

Le spese ammissibili sono:

  1. Ricerca contrattuale con organismi di ricerca e/o laboratori della rete, brevetti frutto della ricerca, sviluppo di software specifico, servizi di consulenza di carattere tecnico-scientifico, spese per l’utilizzo di laboratori di ricerca o di prova;
  2. Acquisto/noleggio di strumentazione scientifica, impianti industriali, acquisto di brevetti, software specialistico nella misura massima del 40% del totale della voce di spesa A;
  3. Realizzazione fisica di prototipi, nella misura massima del 40% del totale delle voci di spesa A e B (solo per sviluppo sperimentale);
  4. Personale adibito ad attività di ricerca, progettazione, sperimentazione, assunto con contratto di lavoro subordinato, rendicontabili forfettariamente nella misura massima del 20% del totale delle voci di spesa A, B, C;
  5. Spese generali, calcolate nella misura forfettaria del 5% del totale dei costi diretti ammissibili (totale voci A, B, C, D).

Quale agevolazione è prevista?

Il contributo è concesso a fondo perduto, nella forma del conto capitale, con le seguenti intensità massime di aiuto:

  • Fino al 45% delle spese ammissibili relative ad attività di ricerca industriale (RI)
  • Fino al 20% delle spese ammissibili relative ad attività di sviluppo sperimentale (SS).

Il limite massimo del contributo concedibile è:

  • 500.000,00 € nel caso di PMI singola o rete di PMI;
  • 700.000,00 € nel caso di GI o rete comprendente una GI.

Quando presentare la domanda?

La domanda potrà essere presentata dal 1° febbraio 2023 fino al 28 febbraio 2023.

    Ricevi maggiori informazioni da un advisor

    FIMAP

    Prenota una call allo 06.4741646 oppure compila il form.

    Nome e cognome*

    Inserisci il bando a cui sei interessato*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono*

    Descrivi la tua impresa, startup o PMI innovativa*


    Condividi