Contributi a Fondo Perduto da Invitalia

Condividi

Startup innovative, imprese femminili, imprese giovanili e imprese del Sud Italia sono i destinatari di contributi a fondo perduto gestiti da Invitalia

Contributi a Fondo Perduto da Invitalia

Invitalia è l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa che dà impulso alla crescita economica nazionale puntando sulla gestione di agevolazioni e contributi a fondo perduto per promuovere lo sviluppo e l’occupazione .

L’agenzia finanzia progetti di varie dimensioni, rivolgendosi con maggiore interesse a imprenditori che vantano concreti piani di sviluppo, soprattutto startup innovative ad alto valore aggiunto.

Per qualsiasi startup, Invitalia è sicuramente l’operatore di riferimento per ottenere un concreto supporto finanziario e strategico, sotto forma di agevolazioni di diverso tipo a econda della tipologia di startup attivata.

Tra tutte le opportunità di finanziamento a fondo perduto offerte da Invitalia, ecco una lista da tenere presente per i piani di sviluppo di startup innovative, imprese femminili, imprese giovani, imprese nel sud Italia.

CULTURA CREA: finanziamenti a tasso zero e contributi a fondo perduto per cultura, turismo e industria creativa

Cultura Crea è il Bando gestito da Invitalia e promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Sostiene startup e no profit del settore culturale e creativo nelle Regioni del Sud:

  • Basilicata
  • Calabria
  • Campania
  • Puglia
  • Sicilia

Cultura Crea prevede 2 sportelli a sostegno delle imprese e dei soggetti del terzo settore:

  • Cultura Crea Plus, rivolto alle PMI, in forma di società di persone o di capitali, anche in forma cooperativa ad esclusione dei consorzi e delle ditte individuali, e ai soggetti iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settore
    Consiste in un contributo a fondo perduto nella misura del 100% delle spese ammissibili e per un valore massimo di 25.000 euro per chi è stato danneggiato dall’emergenza coronavirus
  • Cultura Crea 2.0, in sostituzione del vecchio sportello Cultura Crea, rivolto all, imprese costituite da non oltre 36 mesi, e alle persone fisiche che intendono costituire un’impresa.
    Per le nuove imprese è previsto un finanziamento agevolato, a tasso d’interesse pari a zero, fino al 40% della spesa ammessa ed un contributo a fondo perduto fino al 40% della spesa ammissibile.
    Ai soggetti del terzo settore è concesso un contributo a fondo perduto fino all’80% della spesa ammessa. La copertura della spesa ammessa è aumentata al 90% per le imprese femminili, le imprese giovanili e quelle in possesso del rating di legalità.

Per avere informazioni più dettagliate consulta la guida al bando >>> Cultura Crea

SMART e START ITALIA: finanziamenti per startup innovative

Smart e Start è un programma che sostiene la nascita e la crescita di startup innovative italiane con progetti ad alto contenuto tecnologico, che sviluppino prodotti, servizi o soluzione nel campo dell’economia digitale o che valorizzino i risultati della ricerca pubblica e privata dal punto di vista economico.

L’agevolazione è concessa a startup innovative di piccole dimensioni, costituite da non più di 60 mesi. Il programma finanzia progetti di investimento di importo compreso tra € 100.000 e € 1.500.000 tramite  finanziamenti bancari a tasso zero. L’agevolazione è concessa per l’80% dell’importo dell’investimento o del 90% nel caso in cui la società sia composta solo da donne, da under 36 o se è presente in società un esperto con titolo di dottore di ricerca. Possibilità di ottenere un 30% a fondo perduto sull’importo del mutuo per tutte le imprese localizzate in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e del Cratere sismico del Centro Italia..

Il programma finanzia investimenti materiali e immateriali di carattere tecnologico necessari all’attività d’impresa insieme a specifiche tipologie di costi di gestione.

Per avere informazioni più dettagliate consulta la guida al bando >>> Smart&Start Italia

ON – NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO: finanziamenti per giovani e donne

Invitalia finanzia inoltre le startup fondate da giovani e le imprese femminili, composte cioè in prevalenza da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età. Le imprese devono essere costituite in forma di società da non più di 12 mesi. Anche le persone fisiche possono richiedere i finanziamenti, a condizione che costituiscano la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.

L’agevolazione consiste in finanziamenti a tasso zero e contributo a fondo perduto per progetti d’impresa con spese fino a 3 milioni di euro, che può coprire fino al 90% delle spese totali ammissibili.

Per avere informazioni più dettagliate consulta l’articolo >>>> Nuove imprese a tasso zero

SELFYEMPLOYMENT: finanziamenti agevolati per giovani imprenditori, donne e disoccupati

Questa opportunità di finanziamento di Invitalia facilita lo sviluppo di piccole attività di giovani imprenditori, in forma individuale o di società cooperative o di persone, avviate quindi da giovani NEET (giovani compresi tra i 15 e i 29 anni privi di occupazione e non inseriti in percorsi di studio o formazione) iscritti al Programma Garanzia Giovani, donne inattive e disoccupati di lungo periodo.

Questo programma prevede anche la possibilità di  partecipare a percorsi di formazione e accompagnamento all’avvio di impresa.

Invitalia finanzia con questa misura beni materiali e immateriali tra € 5.000 e 50.000 in tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio anche in forma di franchising come ad esempio turismo, servizi alla persona, servizi ICT, commercio al dettaglio e all’ingrosso tramite finanziamenti agevolati senza interessi e senza garanzie, con modalità diverse a seconda dell’importo del progetto (microcredito, microcredito esteso o piccolo prestito).

Dal 10 novembre 2022 non sarà più possibile presentare domanda per le sotto-misure “Microcredito esteso” (tra 25.001 e 35.000 euro) e “Piccoli prestiti” (tra 35.001 e 50.000 euro).

Le domanda di agevolazioni rimangono aperte per la linea di intervento “Microcredito” (programmi di spesa di importo compreso tra 5.000 e 25.000 euro).

RESTO AL SUD: contributi a fondo perduto per il sud

L’iniziativa Resto al Sud sostiene la nascita di startup nei settori dell’industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, fornitura di servizi, commercio, turismo e attività libero professionali.

L’incentivo è destinato a chi ha un’età compresa tra i 18 e i 55 anni, residente in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria), nelle isole minori marine, lagunari e lacustri del Centro-Nord e titolare di un’attività di impresa, in forma individuale o di società, comprese anche le società cooperative.

L’agevolazione copre fino al 100% dell’investimento complessivo oggetto di domanda con un finanziamento massimo di 50.000 euro per ogni richiedente, che può arrivare fino a 200.000 euro nel caso di società composte da quattro soci. Il finanziamento massimo è pari a 60.000 euro per le imprese esercitate in forma individuale, con un solo soggetto proponente.

È previsto un ulteriore contributo a fondo perduto:

  • 15.000 euro per le ditte individuali e le attività professionali svolte in forma individuale
  • fino a un massimo di 40.000 euro per le società

Per avere informazioni più dettagliate consulta l’articolo >>>> Resto al Sud

    Ricevi maggiori informazioni da un advisor FIMAP

    Prenota una call allo 06.4741646 oppure compila il form.

    Nome e cognome*

    Inserisci il bando a cui sei interessato*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono*

    Descrivi la tua impresa, startup o PMI innovativa*


    Condividi