Horizon Europe 2021-2027: Innovazione e Ricerca in Europa

Condividi

Parlamento e Consiglio europei hanno raggiunto un accordo per il nuovo Programma UE Horizon Europe 2021- 2027 – Ricerca e Innovazione per finanziare l’eccellenza scientifica e tecnologica in Europa

Horizon Europe Programam Europeo 2021-2027 per la Ricerca e l'InnovazioneDal 2021 Horizon Europe entra in vigore con in dote oltre 80 miliardi di euro (prezzi 2018), circa 95,5 miliardi in prezzi correnti, per finanziare la Ricerca e l’Innovazione in Europa nella nuova Programmazione europea 2021-2027.

Consiglio europeo e Parlamento hanno infatti raggiunto un accordo politico decisivo sul budget.

Lo scorso settembre i ministri della ricerca dell’Unione Europea si erano accordati sui testi legislativi di Horizon Europe: gli orientamenti generali (General Approach) sul programma quadro e sul programma specifico.

A dicembre 2020 era giunto l’accordo tra Consiglio e Parlamento per il budget da destinare al Programma europeo per l’innovazione.

Che cos’è Horizon Europe?

Horizon Europe è il Programma Quadro Europeo per la Ricerca e l’Innovazione per il periodo 2021-2027 che prenderà quindi il posto di Horizon 2020 dal 1° gennaio 2021.

Obiettivi del Programma

L’obiettivo dell’Unione Europa nella programmazione 2021-2027 è rafforzare l’eccellenza scientifica e tecnologica realizzando uno spazio di ricerca europeo.

Horizon Europe promuove la libera circolazione dei ricercatori, della conoscenza scientifica e della tecnologia, per realizzare uno spazio europeo più competitivo per il raggiungimento di risultati sempre più elevati sotto il profilo sociale, politico ed economico.

Gli investimenti in Ricerca e Innovazione saranno principalmente orientati verso:

  • La lotta contro il cambiamento climatico
  • Uno sviluppo sostenibile dal punto di vista economico e territoriale
  • Il miglioramento della competitività e in generale la crescita di tutti i Paesi UE

Il nuovo Programma Horizon Europe fa suoi, per l’attuazione degli obiettivi di R&I, i principi generali di Open Science, Open Innovation, Open to the World.

Agirà a supporto di:

  • Il rafforzamento delle basi scientifiche e tecnologiche UE e del SER (Spazio Europeo della Ricerca)
  • Il miglioramento della capacità innovativa, della competitività e dell’occupazione
  • Il perseguimento degli obiettivi prioritari per i cittadini, a sostegno del modello socio-economico e dei valori UE

Il programma dovrebbe contribuire ad aumentare gli investimenti pubblici e privati in R&I per un investimento complessivo, comprensivo di azioni integrative degli Stati membri e del settore privato, di almeno il 3% del PIL dell’Unione in ricerca e sviluppo.

La struttura di Horizon Europe

Horizon Europe PillarsFonte: European Commission

1. Eccellenza Scientifica

Il primo pilastro mira al rafforzamento e all’ampliamento dell’eccellenza scientifica dell’UE e avrà attuazione tramite:

  • European Research Council (CER): ricerca di frontiera con approccio bottom-up
  • Marie Skłodowska-Curie Actions (MSCA): mobilità e formazione per ricercatori per lo sviluppo di nuove conoscenze e competenze;
  • Research Infrastructures: creazione di infrastrutture di ricerca a livello mondiale integrate e interconnesse.

2. Sfide globali e competitività industriale europea

Il secondo pilastro verte sulla promozione delle tecnologie fondamentali e delle soluzioni a supporto delle politiche UE e degli obiettivi di sviluppo sostenibile in diversi ambiti:

  • Health
  • Culture, Creativity and Inclusive Society
  • Civil Security for Society
  • Digital, Industry and Space
  • Climate, Energy and Mobility
  • Food, Bioeconomy, Natural Resources, Agriculture and Environment

3. Europa Innovativa

Il terzo pilastro si concentra sullo sviluppo di innovazioni pioneristiche creatrici di nuovi mercati e ecosistemi favorevoli all’innovazione:

  • EIC – European Innovation Council:sostegno a idee innovative dal potenziale pionieristico e creatrici di mercato
  • European Innovation ecosystems:creazione di un ambiente favorevole per lo sviluppo dell’innovazione tramite l’istaurazione di legami con i diversi operatori dell’innovazione al livello regionale e nazionale
  • EIT- European Institute of Innovation and Technology, attraverso l’unione degli operatori fondamentali (ricerca, istruzione e imprese) attorno a un obiettivo comune per favorire l’innovazione

L’accordo Parlamento-Consiglio del 10-11 Dicembre 2020

L’accordo raggiunto, in attesa dell’approvazione formale da parte dei due organi, ha sciolto in particolare i nodi sul budget e sulla dotazione portata da Next Generation EU.

Il Budget e la ripartizione della dotazione finanziaria

A Horizon Europe viene assegnato un bilancio di circa 76.4 miliardi di euro (prezzi 2018), circa il 30% in più rispetto all’attuale programma di ricerca e innovazione, Horizon 2020.

Next Generation EU conttribuirà con circa  5 miliardi di euro (prezzi del 2018) per stimolare la ripresa e rendere l’UE più resiliente per il futuro.

Per la distribuzione indicativa delle risorse tra i Pillar attendiamo di conoscere i dettagli.

Per ora riportiamo le cifre rese note a settembre 2020.

Pillar I Excellent Science

Circa 23 miliardi di cui 14 per l’ERC, circa 6 miliardi per Marie Skłodowska-Curie Actions e oltre 2 miliardi per le infrastrutture di ricerca

Pillar II Global Challenges and European Industrial Competitiveness:

A questo pillar sono assegnati oltre 47 miliardi di cui:

  • quasi 7 per il cluster Salute
  • oltre 1 miliardo per Culture, Creativity and Inclusive Society
  • più di 1 miliardo e 200 milioni per Civil Security for Society
  • 13 miliardi e mezzo per il cluster Digital, Industry and Space, 13 miliardi e mezzo per il cluster Climate, Energy and Mobility
  • Circa 7 miliardi sono destinati a Food, Bioeconomy, Natural Resources, Agriculture and Environment
  • Quasi 2 miliardi del Programma sono dedicati alle azioni non nucleari dirette del Joint Research Centre (JRC)
Pillar III Innovative Europe

Alla costruzione della futura Europa Innovativa sono destinati oltre 12 miliardi di cui:

  • 8 miliardi e 700 milioni per l’European Innovation Council
  • 450 milioni per European Innovation Ecosystems
  • 2 miliardi e 700 milioni per lo European Institute of Innovation and Technology (EIT)
European Research Area

Infine, oltre 3 miliardi per ampliare la partecipazione e rafforzare lo Spazio Europeo della Ricerca

Next Generation EU

Next Generation EU conttribuirà con circa  5,4 miliardi di euro (prezzi correnti).

Da quanto il Consiglio ha diffuso a settembre sappiamo inoltre che:

“Le risorse aggiuntive devono essere destinate esclusivamente ad azioni di ricerca e innovazione volte ad affrontare le conseguenze della crisi COVID-19, in particolare il suo impatto economico e sociale».

I fondi potrebbero quindi essere ripartiti tra European Innovation Council e i Cluster:

1 – Health

4 – Digital Industry and Space

5 – Climate, Energy Mobility

I Paesi Terzi

Si conferma la possibilità di associazione al programma dei paesi avanzati con un buon potenziale di R&I ma con qualche riserva per proteggere la sovranità tecnologica e gli interessi strategici dell’Unione Europea.

Il programma di lavoro può anche escludere da singole call for proposals

«la partecipazione di soggetti giuridici stabiliti nell’Unione o in paesi associati controllati direttamente o indirettamente da paesi terzi non associati o da soggetti giuridici di paesi terzi non associati, o subordinare la loro partecipazione a condizioni stabilite nel programma di lavoro».

Cosa cambia con Horizon Europe rispetto a Horizon 2020?

Dopo una valutazione dei risultati della programmazione precedente, Horizon Europe si avvantaggia di una semplificazione delle regole, dei modelli e delle forme di finanziamento che darà maggiore valorizzazione e sfruttamento ai risultati della ricerca.

Il Consiglio Europeo per l’Innovazione

Viene istituito il Consiglio Europeo per l’Innovazione a supporto delle innovazioni pioneristiche e maggiormente impattanti e dell’espansione di progetti considerati ad alto rischio per gli investimenti privati.

Verranno utilizzati due strumenti fondamentali:

  • Pathfinder (sovvenzioni a sostegno della fase iniziale fino alla fase pre-commerciale)
  • Accelerator (sovvenzioni e finanziamenti misti a sostegno della fase pre-commerciale fino alla fase di mercato e di espansione

Ricerca e Innovazione per i cittadini

Il focus più mirato su R&I  è impostato sua una stretta correlazione tra le attività di R&I ed un coinvolgimento maggiore dei cittadini.

Ecco come viene descritta la missione di Horizon Europe:

“un portafoglio di azioni che abbiano un impatto sulla società e sull’elaborazione delle politiche e siano rilevanti per una parte significativa della popolazione europea e un ampio spettro di cittadini europei”

Il rafforzamento della cooperazione internazionale

Con i limiti espclitati dall’accordo raggiunto intema di sovranità europea, si prevede l’estensione della partecipazione al Programma ad associazioni di Paesi terzi con eccellenti capacità scientifiche, tecnologiche e innovative, e l’intensificazione di azioni mirate.

Nuovo approccio al partenariato europeo

Dovrà essere più ambizioso e strategico e potrà essere di 3 tipi:

  • Co-programmato, sulla base di protocolli d’intesa o accordi contrattuali, indipendente dai partner e da Horizon Europe
  • Co-finanziato, sulla base di un programma congiunto concordato e attuato dai partner che si impegneranno ad apportare contributi finanziari o in natura
  • Istituzionalizzato, sulla base di una prospettiva a lungo termine, a norma degli art. 185/187 del TFUE e del regolamento EIT, dunque altamente integrato, con il sostegno di Horizon Europe

Open Science

Il perseguimento di una politica di Open Science per una più ampia diffusione dei risultati della Ricerca e il libero accesso ai dati tramite un utilizzo responsabile del cloud europeo EOSC (European Open Science Cloud)

Tutto ciò avverrà tramite il ricorso a:

  • forme semplificate di sovvenzioni, dove possibile, sulla scia dell’esperienza pilota di finanziamento forfettario del programma H2020
  • una maggiore semplificazione delle pratiche di contabilità analitica e
  • un maggiore riconoscimento degli audit reciproci a vantaggio di coloro che partecipano a più programmi UE.

Sinergie con altri Programmi

Infine, il programma Horizon Europe dovrebbe cercare sinergie con altri programmi dell’Unione, armonizzando quanto più possibile le regole di ammissibilità dei costi.

Per evitare sovrapposizioni e duplicazioni e aumentare l’effetto leva dei finanziamenti dell’Unione, possono essere effettuati trasferimenti da altri programmi dell’Unione alle attività di Horizon Europe.


Raccontaci la tua innovazione | start up

FIMAP supporta startup e imprese nei processi di trasformazione tecnologica, digital e innovation management. Il framework che ha definito, l’Innovation Radar, punta a facilitare l’incontro tra nuove soluzioni e startup innovative e la crescente domanda di innovazione da parte delle grandi imprese, per creare nuove opportunità di business.

L’Innovation Radar di Fimap è il primo strumento che sviluppa l’open innovation in maniera integrata con la finanza agevolata (“co-founded open innovation”)

    Ricevi maggiori informazioni da un advisor FIMAP

    Prenota una call allo 06.4741646 oppure compila il form.

    Nome e cognome*

    Inserisci il bando a cui sei interessato*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono

    Descrivi la tua impresa, startup o PMI innovativa*


    Condividi

    Privacy Preference Center