I vantaggi dell’Open Innovation: la logica win-win tra imprese e startup

Condividi

Un estratto dalla seconda edizione del manuale di Giuseppe Lorizzo, Ceo di Fimap, dedicato all’innovazione e alle sue fonti di finanziamento

open innovation vantaggiSi sta diffondendo, con sempre maggior slancio, il paradigma dell’Open Innovation, in termini di approccio aziendale aperto che combina idee interne ed esterne nei modelli di business aziendali, in un’ottica di coinvolgimento e cooperazione tra realtà imprenditoriali dello stesso settore, fornitori, università, centri di ricerca e utenti finali. Ne avevamo già parlato nell’articolo “Open Innovation: quando l’innovazione si progetta insieme”: l’Open Innovation muove dall’assunto che le imprese debbano utilizzare idee provenienti non solo dall’interno, ma anche dall’esterno in un flusso bidirezionale che apporta reciproci vantaggi a tutti i soggetti coinvolti.

Il paradigma dell’Open Innovation è tra i principali modelli per sviluppare soluzioni innovative in tempi rapidi e dinamici. Le modalità di attuazione sono molteplici e vanno dalle call for ideas, in cui vengono raccolte idee, progetti e servizi innovativi per creare network e future collaborazioni, hackathon, crowdfunding, accordi di collaborazione strategica con partner, per finire con acquisizioni e corporate venture capital, che richiedono un maggior impegno e disponibilità di capitale da parte delle aziende.

Ricostruendo in brevi passaggi le principali modalità attraverso le quali è possibile attuare strategie di Open Innovation e i benefici conseguenti all’applicazione di tale paradigma, facciamo riferimento all’edizione aggiornata del libro “Finanza agevolata e innovazione: strumenti di finanziamento per start up e PMI, Open Innovation e M&A” di Giuseppe LorizzoCEO e Founder di Fimap -, con il contributo di Marco Morfino, un’analisi degli strumenti di finanza agevolata per il cofinanziamento di investimenti in Ricerca & Innovazione.

 

open innovation settori

L’immagine illustra i principali strumenti di Open Innovation utilizzate nel panorama imprenditoriale italiano, con una maggiore propensione verso modalità che richiedono un minor investimento di risorse iniziale, rispetto a strategie ad alto impegno, che comportano una maggiore complessità dei processi interni e in termini di struttura di governance aziendale.

Fonte: Iacobelli, G., Open Innovation Made in Italy, 2018.

 

Le opportunità e i vantaggi della messa in campo di strategie di Open Innovation stanno nella “logica win-win” tra imprese e startup, si legge nel testo di Lorizzo.

“L’integrazione della capacità innovativa delle startup, combinata con la capacità delle grandi imprese di industrializzare e portare le innovazioni sul mercato, va a beneficio di entrambe le realtà in gioco”.

In sintesi, tra i vantaggi per le imprese che implementano concretamente il paradigma dell’Open Innovation secondo una o più modalità tra quelle sopra descritte, si sottolinea:

  • Riduzione del time to market: una maggiore apertura all’innovazione consente di avere accesso più rapido alle nuove tecnologie presenti nell’ecosistema di un determinato settore industriale, abbreviando i tempi di sviluppo e commercializzazione di un’idea.
  • Nuove frontiere di guadagno: essere a conoscenza delle tecnologie innovative esterne alla propria realtà aziendale, consente all’impresa di valutare in anticipo, rispetto ai competitor, la validità di potenziali investimenti proficui.
  • Crescita economica: dai dati risultanti dallo studio condotto da Accenture (2015), le aziende impegnate in processi di Open Innovation hanno conseguito un tasso di crescita del fatturato maggiore: in Italia la collaborazione tra aziende e startup in ottica di OI si traduce in un’opportunità di crescita di 35 miliardi €, pari all’1,9% del Pil nazionale.
  • Condivisione di costi e rischi: la collaborazione con un’altra impresa comporta la divisione degli oneri e delle eventuali perdite, minimizzando il rischio di insuccesso.
  • Creazione di nuovo lavoro aggiunto: la co-creazione di innovazione consente un ampliamento delle reciproche conoscenze e un aumento del livello di flessibilità delle organizzazioni interna, stimolando la creatività e la capacità di generare nuove idee.
  • Corporate reputation: la connessione con grandi realtà imprenditoriali, a seguito dell’applicazione delle strategie di OI, permette alle startup di ampliare le proprie competenze e capacità manageriali e di usufruire della visibilità e dell’esperienza di brand affermati per acquisire nuovi clienti e un’immediata credibilità.

L’Open Innovation dunque si configura come via nuova, aperta e dinamica, a disposizione di startup e aziende più o meno grandi per accrescere il proprio livello di competitività sul mercato.

Per questo Fimap svolge attivamente consulenze di innovation advisory con una propria divisione specializzata, che si affianca agli altri due rami della finanza agevolata e dell’europrogettazione, per guidare processi di Open Innovation tramite la coordinazione delle complesse attività di natura organizzativa, gestionale e finanziaria che si incontrano nel percorso di applicazione di questo paradigma.


 Raccontaci la tua innovazione | start up e entra a far parte di un progetto di open innovation

Fimap assiste PMI e start up innovative e stabilisce connessioni in ottica di open innovation tra le grandi aziende, il settore della ricerca e le più promettenti startup innovative per accelerare il ritmo e la scalabilità dell’innovazione e ridurre il time to market.

Il framework che ha definito, l’Innovation Radar, punta a facilitare l’incontro tra nuove soluzioni e startup innovative e la crescente domanda di innovazione da parte delle imprese, per creare nuove opportunità di business.

L’Innovation Radar di Fimap è il primo strumento che sviluppa l’open innovation in maniera integrata con la finanza agevolata (“co-founded open innovation”).

Un esperto do Fimap è a tua disposizione per una prima consulenza gratuita.

 

    Nome e cognome*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono*


    Condividi