SIMEST – PNRR: nuovi finanziamenti per la transizione digitale e verde delle PMI

Condividi

Il nuovo Fondo 394 gestito da SIMEST è uno dei primi progetti del PNRR ad essere attivato. Domande aperte fino al 31 maggio 2022.

Simest: Fondo 394 finanziamenti per la transizione verde e digitale dell PMI

Sono stati proorgati i termini per richiedere i nuovi finanziamenti di SIMEST a valere sulle risorse provenienti dal PNRR.

Fino al 22 maggio 2022 è possibile presentare domanda per accedere al nuovo Fondo 394, lo strumento pubblico a sostegno dell’internazionalizzazione delle PMI. I finanziamenti provengono dal programma NextGenerationEU attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

L’obiettivo è favorire la transizione digitale ed ecologica delle PMI italiane a vocazione internazionale.

Le risorse ammontano a 1,2 miliardi e sono destinate alle PMI, di cui 400 milioni relativi alla quota di cofinanziamento a fondo perduto.

Alle PMI del Sud Italia è riservato il 40% della dotazione complessiva del Fondo 394 (Riserva Sud), ossia 480 milioni di euro.

A chi si rivolge?

Le risorse sono destinate esclusivamente alle PMI per sostenerle nel percorso competitivo internazionale nella sfida europea per la transizione digitale ed ecologica.

Quali agevolazioni prevede?

Le imprese potranno richiedere un finanziamento a tasso agevolato (attualmente di circa il 0,055% annuo) con una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 25%, senza necessità di presentare garanzie.

Per le PMI del Mezzogiorno, con sede operativa nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, la quota di cofinanziamento a fondo perduto sale fino al 40%.

I nuovi finanziamenti del Fondo 394 per la transizione digitale e verde delle PMI

Le PMI possono presentare una sola domanda per uno dei tre strumenti finanziati con le risorse del PNRR:

1. Transizione digitale ed ecologica delle PMI con vocazione internazionale

L’intervento ha la finalità di sostenere la realizzazione di:

  • investimenti digitali per almeno il 50%
  • investimenti volti a promuovere la sostenibilità e la competitività sui mercati internazionali per il restante 50%.

Per chi: PMI costituite in forma di società di capitali, con un fatturato Estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

L’importo massimo per ciascuna impresa è pari a 300.000 € (comunque non superiore al 25% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dell’impresa).

2. Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema

Si tratta di un finanziamento agevolato a sostegno della partecipazione a un singolo evento di carattere internazionale anche virtuale per promuovere l’attività d’impresa sui mercati esteri o in Italia:

  • fiera
  • mostra
  • missione imprenditoriale
  • missione di sistema

Il finanziamento è destinato per almeno il 30% a spese digitali connesse al progetto, a meno che non si tratti di eventi a tema digital o ecologico.

Per chi: PMI con fatturato rappresentato da:

  • una quota almeno pari al 50% relativa alla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera;
  • commercializzare per una quota almeno pari al 50% prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

L’importo massimo del finanziamento è pari a 150.000 € (non può comunque superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati).

3. Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-commerce)

Prevede un finanziamento agevolato per commercializzare in paesi esteri beni/servizi prodotti in Italia o con marchio italiano e sostiene quindi:

  • la creazione di una nuova piattaforma propria
  • il miglioramento di una piattaforma propria già esistente
  • l’accesso ad un nuovo spazio/store di una piattaforma di terzi (i.e. market place);

Per chi: PMI con fatturato rappresentato da:

  • una quota almeno pari al 50% relativa alla produzione (di beni e servizi) in Italia anche se con marchio di proprietà estera
  • commercializzare per una quota almeno pari al 50% prodotti con marchio italiano anche se prodotti all’estero.

L’importo minimo del finanziamento è di 10.000 € fino ad un massimo di 300.000 € per una piattaforma propria e fino a un massimo di 200.000 € per market place (non può comunque superare il 15% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi due bilanci approvati e depositati).

Presentazione delle domande

Dal 28 ottobre è aperto il Portale operativo per la ricezione delle domande di finanziamento. Lo sportello rimarrà aperto fino al 22 maggio 2022 o fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

    Ricevi maggiori informazioni da un advisor

    FIMAP

    Prenota una call allo 06.4741646 oppure compila il form.

    Nome e cognome*

    Inserisci il bando a cui sei interessato*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono*

    Descrivi la tua impresa, startup o PMI innovativa*


    Condividi