Voucher digitali I4.0 Lombardia 2021

Condividi

Contributi per le imprese lombarde per la ripresa post Covid-19 e lo sviluppo di progetti 4.0 sostenibili a livello ambientale e sociale  

voucher digitali I4.0 Lombardia 2021

I Voucher digitali I4.0 2021 sono contributi a fondo perduto messi a disposizione alle imprese da Regione Lombardia e Sistema Camerale nell’ambito del progetto “Punto Impresa Digitale” (PID) per supportare lo sviluppo di progetti di business 4.0 sostenibili a livello ambientale e sociale e favorire la ripartenza nella fase post emergenziale Covid-19.

Cosa sono i PID?

I PID – Punti Impresa Digitale sono un’iniziativa delle Camere di Commercio e di Unioncamere a supporto della digitalizzazione delle imprese per la trasformazione 4.0. I voucher sono erogati attraverso appositi Bandi pubblicati dalla Camere di Commercio.

Chi può richiedere i voucher digitale I4.0 2021 Lombardia?

Possono richiedere le agevolazioni le micro, piccole e medie imprese con sede operativa attiva al momento dell’erogazione del contributo e iscritte al Registro delle imprese della Camera di Commercio della Lombardia.

Quali sono i progetti ammissibili?

Sono ammessi al bando i progetti di adozione/introduzione in azienda di tecnologie digitali 4.0, intese come soluzioni, applicazioni, prodotti/servizi innovativi 4.0 con l’obiettivo di rispondere ai bisogni di innovazione delle MPMI lombarde tramite la digitalizzazione di processi, prodotti e servizi offerti.

I progetti dovranno riguardare almeno una delle tecnologie di innovazione digitale 4.0 riportati nell’Elenco 1:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale (VR) e realtà aumentata (RA);
  • interfaccia uomo-macchina; o simulazione e sistemi cyber-fisici;
  • integrazione verticale e orizzontale; o Internet delle cose (IoT) e delle macchine;
  • Cloud, fog e quantum computing;
  • cybersicurezza e business continuity;
  • big data e analisi dei dati;
  • soluzioni di filiera per l’ottimizzazione della supply chain e della value chain;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria Covid-19;
  • soluzioni per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività aziendali e progettazione ed utilizzo di tecnologie di tracciamento (RFID, barcode, CRM, ERP, ecc);
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain.

Con l’eventuale aggiunta di una o più tecnologie ricomprese nell’Elenco 2:

  • sistemi di pagamento mobile e/o via internet e fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • connettività a Banda Ultralarga.

I progetti devono essere realizzati entro il 31 dicembre 2021 con spese sostenute, quietanzate e rendicontate entro tale data.

Quali sono le spese ammissibili?

I costi finanziabili con il Voucher digitale sono quelli relativi ad una o più tecnologie tra quelle previste, ricadenti nelle seguenti tipologie di spesa:

  • Consulenza erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati dei servizi (deve essere pari ad almeno il 20% del totale delle spese ammissibili);
  • Formazione erogata direttamente da uno o più fornitori qualificati o tramite soggetto individuato dal fornitore qualificato, riguardante una o più tecnologie tra quelle previste;
  • Investimenti in attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto senza vincoli relativi alla natura del fornitore (deve essere pari ad almeno il 35% del totale delle spese ammissibili).

Quali sono i fornitori qualificati ammessi?

I fornitori qualificati dei servizi devono rientrare in una di queste categorie:

  • DIH-Digital Innovation Hub ed EDI-Ecosistema Digitale per l’Innovazione;
  • Centri di ricerca e trasferimento tecnologico;
  • Incubatori certificati e incubatori regionali accreditati;
  • FABLAB, definiti come centri attrezzati per la fabbricazione digitale che rispettino i requisiti internazionali definiti nella FabLab Charter;
  • Centri di trasferimento tecnologico su tematiche Impresa 4.0;
  • PMI e startup innovative;
  • Grandi imprese – con organico superiore a 250 persone, con fatturato annuo che superi i 50 milioni € oppure il cui totale di bilancio annuo superi i 43 milioni €;
  • Istituti tecnici Superiori (ITS);
  • Fornitori iscritti all’”Elenco pubblico di Fornitori di servizi e tecnologie I4.0

In cosa consiste l’agevolazione?

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto a parziale copertura delle spese sostenute (al netto di IVA), con due diverse tipologie di intervento in funzione della dimensione del progetto proposto: “Micro” o “Piccolo-medio”. In particolare:

Presentazione della domanda Voucher digitali I4.0 Lombardia 2021

I progetti possono essere presentati esclusivamente in modalità telematica con firma digitale dal 17 maggio al 18 giugno 2021.

    Ricevi maggiori informazioni da un advisor FIMAP

    Prenota una call allo 06.4741646 oppure compila il form.

    Nome e cognome*

    Inserisci il bando a cui sei interessato*

    Regione in cui sei localizzato*

    Indirizzo mail*

    Telefono

    Descrivi la tua impresa, startup o PMI innovativa*


    Condividi